Approvate l'impronta acustica e la zonizzazione acustica dell'Aeroporto di Roma-Ciampino

La conferenza dei servizi, convocata in data 1 luglio 2010 presso l'Assessorato alla Mobilità della Regione Lazio, ha approvato a larga maggioranza l'impronta acustica e la zonizzazione acustica dell'aeroporto di Ciampino, escludendo dalla fascia “B” (quella in cui è consentito un rumore superiore a 65 decibel) tutte le abitazioni e i luoghi destinati all'insediamento umano (case, scuole, aree verdi), come fortemente richiesto dai comuni di Ciampino e Marino, ed auspicato nei giorni scorsi dall'Associazione Nazionale Comuni Aeroportuali.

L'impronta acustica, ovvero la fotografia dell'impatto del rumore sui territori, redatta dal gruppo tecnico di lavoro composto dagli esperti dei comuni, di Arpa Lazio, Adr ed Enac, è stata approvata con il voto favorevole di tutti i componenti della conferenza, ad eccezione dell'A.O.C., ovvero la rappresentanza dei vettori aerei operanti su Ciampino.
Per la zonizzazione acustica, il gruppo tecnico ha elaborato due diverse proposte: la prima di Enac che definiva la zonizzazione come l'esatta riproposizione della impronta acustica;  la seconda, appoggiata dai comuni e da Arpa, che – tenendo conto dei piani regolatori vigenti, come previsto dalla normativa vigente – inseriva tutte le abitazioni esistenti nel territorio dei comuni limitrofi allo scalo nella fascia in cui è previsto il contenimento del rumore entro i 65 decibel.

Dopo ampio dibattito, si sono espressi a favore della seconda proposta i due comuni, la Regione Lazio, la Provincia di Roma, Arpa Lazio, Ministero dell'Ambiente, Ministero dei Trasporti e, nonostante la differente proposta iniziale, Enac. Hanno espresso parere favorevole alla prima proposta unicamente Adr ed Aoc. Erano assenti alla Conferenza il Comune di Roma e l'Aeronautica Militare che avranno alcuni giorni di tempo per depositare il proprio parere, passati i quali il Presidente della Regione Lazio, come annunciato oggi dall'Assessore ai trasporti Lollobrigida, trasmetterà l'esito della Conferenza al Ministro dei Trasporti per avviare il risanamento dei territori.

“Finalmente – affermano i Sindaci di Ciampino, Walter Enrico Perandini, e di Marino, Adriano Palozzi – si compie un passo importante nella direzione del rispetto delle normative in tema di contenimento del rumore. Rivolgiamo un plauso alla Regione Lazio che ha saputo condurre egregiamente i lavori della conferenza e concluderli in tempi brevi. Sappiamo bene, però, che quello di oggi è solo il primo passo per dare una risposta concreta ai cittadini che soffrono ed auspichiamo che il Ministro dei Trasporti, Enac ed Adr siano ora altrettanto celeri a mettere in atto le opere di risanamento non più rimandabili”.
Positivo anche il commento dell’Assessore al Decentramento di Marino, Stefano Cecchi, e del Vice Sindaco di Ciampino, Enzo Lavagnini, che hanno partecipato al tavolo della conferenza per l’approvazione dell’impronta e della zonizzazione acustica dell’aeroporto di Ciampino: “E’ un risultato importante - affermano i due assessori - che va ad aggiungersi a quelli già conseguiti negli ultimi anni dai Comuni di Marino e Ciampino. Abbiamo ritenuto opportuno votare la proposta ‘B’ di zonizzazione acustica perché oltre a rispettare la normativa vigente consente, rispetto all’altra, di contenere in misura maggiore il rumore emesso dagli aerei. Non arretreremo di una virgola rispetto alle nostre posizioni che andranno sempre nella direzione di tutelare al massimo la salute dei nostri cittadini, per i quali ci batteremo fino alla fine affinchè i voli possano essere una volta per tutte definitivamente traferiti da Ciampino a Fiumicino. Solo così si potrà porre rimedio al problema dell’inquinamento acustico e ambientale che grava sul nostro territorio”.

Alla conferenza hanno preso parte il Presidente dell'Associazione Nazionale Comuni Aeroportuali Italiani, Mario Aspesi, ed il Sindaco di Elmas, Valter Piscedda, in rappresentanza dei 40 Sindaci dei comuni aeroportuali d'Italia. “L'approvazione della zonizzazione acustica così come proposta dai comuni – affermano i delegati ANCAI – è un fatto positivo ed importante sia per dare una risposta ai cittadini della zona, sia perchè ha stabilito un principio (quello del rispetto dei P.R.G. Comunali nella definizione delle mappe acustiche aeroportuali) che da oggi in poi dovrà essere valido in tutti gli aeroporti italiani”.

Articolo tratto dal sito del Comune di Ciampino

Informazioni aggiuntive